La Bottega

Nel 1976 Domenico Tullio, da tutti conosciuto come Mimì, che fin da bambino aveva lavorato in bottega e imparato il mestiere, apre la sua falegnameria. La prima sede si trovava a Lausdomini e, grazie al lavoro attento e scrupoloso di Mimì, si fa presto conoscere da molti.

Nel 1984 Mimì viene affiancato da suo figlio Michelangelo e la bottega prende il nome di Creazioni in Legno. Michelangelo ha ereditato dal padre la scrupolosità, l’attenzione e la passione nel lavoro ma, di suo, aggiunge anche una effervescente creatività, una costante ricerca e l’attenzione all’innovazione.

La bottega continua a crescere, alla mirata produzione di infissi e porte di Mimì, si affianca la passione per l’arredo di Michelangelo e si producono quindi cucine, mobili d’arredo, complementi frutto dell’ingegno e della fantasia di Michelangelo. Negli anni, inoltre, Michelangelo consolida una fruttuosa collaborazione con i più talentuosi architetti vesuviani, acquisendo e arricchendo la propria dimestichezza nella progettazione.

Il carattere eclettico ma rigoroso di Michelangelo si riversa nelle sue creazioni e nel suo lavoro, nei materiali impiegati e nella cura dei dettagli e delle lavorazioni. La sinergia tra innovazione e tecniche tradizionali di falegnameria diventa il faro che guida, e ha sempre guidato, Creazioni in legno.